Pitti Immagine Uomo N° 70 | Mug Magazine | Fashion, Design, Lifestyle and more...
902
post-template-default,single,single-post,postid-902,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.2.1,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

Pitti Immagine Uomo N° 70

6Lo sport come metafora della vita, tra passione e ricerca, desiderio e scienza, elemento cardine della società contemporanea e della moda degli ultimi 15 anni. Questo è l’argomento centrale della settantesima edizione di Pitti Immagine Uomo, a Firenze tra il 21 e il 24 giugno. A celebrare lo sport e le sue metamorfosi è il progetto Human Game. Vincitori e Vinti, una mostra più un libro, volti a riflettere ed esaltare questo mondo e la sua complessità e forza attrattiva. Human Game è un evento che vuole trovare il fil rouge che unisce lo sport system alla dimensione sociale, culturale e politica della nostra esistenza: tra vincitori e vinti, tra abiti, immagini, accessori e pubblicità che mettono in luce come da attività ludica a competizione, da cura del corpo a spettacolo globale lo sport si sia evoluto inglobando tutto: tecnologia, moda, economia, comunicazione, fino a giungere alla sportivizzazione degli stili di vita. Il progetto si snoda infatti lungo cinque percorsi tematici (Limite, Games, Mutazione, Tradizione e Freedom) che mostrano proprio come lo sport sia simbolo e metafora della nostra vita. Altro elemento catalizzatore di quest’anno è l’intervento della Nazionale Italiana Design nell’allestimento dei padiglioni del Pitti alla Fortezza da Basso. Alcuni componenti della squadra, già presentata ufficialmente al Pitti Living #2, sono protagonisti di un intervento attivo che lascerà il segno del nuovo design nazionale.
Oltre a New Beat(s), sezione dedicata alle collezioni emergenti e ai marchi che debuttano al Pitti, sono previsti il Pitti Immagine Rooms (dedicato al luxury design contemporaneo) e il Welcome To My House (esposizione incentrata sulla street culture e lo streetwear) alla sua seconda edizione, particolarmente attenta all’elemento sneakers: un’apposita mostra speciale è curata da Marco Colombo della rivista Sneakers che tra 130 paia di modelli rari e introvabili esalta il culto di queste scarpe.

Sport as a metaphor of life, a combination of passion and research, longing and know-how, has been one of the mainstays in contemporary society and fashion over the past 15 years. This is the focus of Pitti Immagine Uomo, now at its 70th edition, on schedule in Florence from the 21st to the 24th of June. Human Game is a project that aims to celebrate sport and its metamorphoses. ‘Vincitori e Vinti‘ (Winners and Losers) is an exhibition and a book that illustrate and exalt the world of sport, its complexity and power of attraction. Human Game is an event meant to trace the connections between the sport system and the social, cultural and political aspects of our life. In the world of winners and losers, the fashion, images, accessories and advertising show that sport, no longer meant as body care or a playful activity, has become an all-inclusive competition, a global performance that has absorbed technology, fashion, economics, and communication, to the extent that our lifestyle is increasingly sport-oriented.
The five thematic sections of the exhibition (Limit, Games, Change, Tradition and Freedom) show that sport is indeed a symbol and a metaphor of our life. Significantly, this year the Nazionale Italiana Design has set up the exhibition stands at Fortezza da Basso, and the work of some team members, officially presented at Pitti Living #2, will doubtless leave a mark in contemporary Italian design. Besides New Beat(s), a section devoted to up-and-coming collections and brands making their debut at Pitti exhibition, also Pitti Immagine Rooms (devoted to contemporary luxury design) and the second edition of Welcome to My House (focused on street culture and street-wear) are on schedule. The latter, edited by Marco Colombo of ‘Sneakers’ magazine, is also devoted to sneakers, a special exhibition within the exhibition that emphasises the cult of this footwear with a display of 130 pairs of rarities.