Top Ten- Tra le Pieghe di Torino | Mug Magazine | Fashion, Design, Lifestyle and more...
496
post-template-default,single,single-post,postid-496,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.2.1,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

Top Ten- Tra le Pieghe di Torino

Torino è da sempre città di industrie, di espressioni sussurrate e mai urlate, città che conosce il proprio ruolo ed i valori della tradizione.
Ma Torino è anche la voglia di guardare al mondo con attenta curiosità, di coglierne i messaggi e di viverne sottovoce le stravaganze.

Di questa città Top Ten è moderna rappresentazione: capace di equilibrio tra la tradizione di un luogo nato negli anni settanta per mano dell’architetto Toni Cordero e delle scelte d’abbigliamento della moglie Cesira, coraggiosa di proporre una certa idea di stile ad una città che ama più farsi scoprire che bearsi tra i portici del centro. Ora Top Ten è gestito dalle figlie Sebastiana e Sara che di tale equilibrio hanno fatto regola e misura. Nel negozio della centralissima via Soleri, disposto su due piani, si occupano insieme degli acquisti dei capi e degli accessori, facendosi guidare nella ricerca dai toni quieti di una selezione mai urlata, capace di soddisfare una clientela da sempre attenta ed esigente.

Una proposta capace di allontanarsi dagli eccessi della moda imposta, dedicata a vestire un’anima prima che un corpo. Sara si dedica a “comunicare” alla città, tramite le vetrine, la distinzione di un negozio tutto da scoprire, cui una clientela affezionata nel tempo riconosce il valore di scelte dal profilo understatement. Un dialogo, con una Torino che ai più appare sonnacchiosa, ma che ha nei piccoli gesti quotidiani il linguaggio per comunicare la propria diversità. Ora Top Ten è anche Drago, un outlet sulla collina in via Vanvitelli: di nuovo un luogo, di nuovo senza urlare. Una nuova faccia di Torino, che sussurra la propria ricercata stravaganza.

Turin has all along been an industrial city which knows its role and the values of tradition, and expresses itself in soft never shouted tones. Yet, Turin is open to the world; it tries to grasp its novelties with keen curiosity, and to live its eccentricities with discretion. Top Ten is a modern representation of this city, a space created in the ‘70s by architect Toni Cordero, in which the perfect balance between the tradition he set and his wife Cesira’s selection of fashion items has led to the proposal of a certain idea of style to a city that loves to be discovered rather than find enjoyment in its central arcades.

Top Ten is now run by Sebastiana and Lara, the couple’s daughters, who have based their activity on the store’s measured balance. In the two-storey shop in central Via Soleri they attend to the purchase of items and accessories with quiet competence, to meet the requests of their demanding and refined clients. Their proposal avoids the excesses of current fashion and is meant to dress the soul rather than the body.

Sara devotes herself to ‘communicate’ with the city through the shop-windows, the distinctive mark of a store in which an understated tone has been appreciated by regular customers over the years.
Now Top Ten is also Drago, an outlet on the hillside in via Vanvitelli: another place where things are whispered, never shouted.