Bloc- Kyoto | Mug Magazine | Fashion, Design, Lifestyle and more...
1254
post-template-default,single,single-post,postid-1254,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.2.1,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

Bloc- Kyoto

Nel bel mezzo di una bella e antica città come Kyoto sorge un edificio completamente nero: si tratta di BLOC, il mondo dell’alta qualità della moda uomo. A chi guardi dall’esterno non è dato di vedere l’interno del negozio, forse perché tale vista è il premio che spetta soltanto a coloro che scelgono di entrarci.
Proprio isolandosi dal mondo esterno BLOC è riuscito a creare un’atmosfera tutta sua per gli amanti della moda.Nel suo spazio oscuro e misterioso ogni piano intelligentemente organizzato sviluppa un concetto diverso. Al Primo Piano, denominato EM, si trova una collezione di marchi di alta qualità per la casa, come ad esempio Rip Van Winkle, Lounge Lizard, Master Mind e altri, oltre ad accessori in argento e alle scarpe. Il Secondo Piano, denominato EM Import, ospita una esposizione di mobili antichi e i migliori marchi internazionali del momento, come Rick Owens, Kris Van Assche, Ann Demeulemeester, Veronique Branquinho eccetera.Il Terzo Piano, riccamente illuminato, contiene la combinazione dei due concetti WJK e Black. Black è uno spazio che presenta marchi altamente tecnici e sofisticati come Augusta, Guidi, +By Maurizio Amadei e Giorgio Brato, mentre l’altra metà del piano è dedicata al marchio WJK. Il tema del marchio è ‘Un oggetto veramente bello non cambia mai’; esso propone uno criterio nuovo che consiste nell’accoppiare materiali di buona qualità con la semplicità nel design. Proprio come ogni marchio alla moda continua a mandare messaggi al mondo, anche BLOC ha adottato lo stesso atteggiamento nei confronti dei suoi clienti. Dalla stagione Autunno-Inverno 2008-2009 BLOC ha avviato la produzione di un suo marchio, ‘N4’, incentrato sul tema ‘Evoluzione di un basic’. Il marchio ha implicato una ricerca a tutto campo sulla tradizionale tecnica minimalista giapponese, che è stata in definitiva compendiata in un tessuto. BLOC fa in modo che i visitatori lo  osservino attentamente, e mentre lo fanno non possono non prevedere come nel prossimo futuro rilevanti sviluppi per la moda potranno partire da Kyoto.

Right in the middle of a beautiful ancient city like Kyoto there is a building totally painted in black: it is BLOC, the world of high quality men’s fashion. Viewers are denied the sight of the shop’s interior from the outside, maybe because seeing the inside is a reward only for those who choose to go in. Just by isolating itself from the outside world BLOC has succeeded in creating an atmosphere of its own for fashion lovers. In its dark and mysterious space each ingeniously organised floor develops a different concept. On the 1st floor, called EM, there is a collection of high quality brands for the home, such as Rip Van Winkle, Lounge Lizard, Master Mind and others, in addition to silver accessories and shoes. The 2nd floor, called EM Import, displays antique furniture and the latest cool international brands, like Rick Owens, Kris Van Assche, Ann Demeulemeester, Veronique Branquinho and so on. The 3rd floor is a brightly lit area which combines two concepts of WJK and Black. Black is a space to introduce sophisticated highly technical brands like Augusta, Guidi, +By Maurizio Amadei and Giorgio Brato, whereas the other half of the floor is devoted to WJK Brand. The theme of the brand is ‘A really good thing never changes’; it proposes a ‘new standard’ which consists in using good quality materials and simplicity in design. Just as every fashion brand keeps sending messages to the world, BLOC have precisely the same attitude to their customers. From the 2008-2009 Autumn-Winter season they have started producing a brand of their own, ‘N4’, which is focused on the theme ‘Evolution of a basic’. The brand has involved a thorough research on the traditional Japanese technique of minimalism that has been condensed into a cloth. BLOC makes you feel like keeping your eyes on it, and as you do so you can’t but anticipate that new developments in fashion can start from Kyoto in the near future.