The Work Jacket | Mug Magazine | Fashion, Design, Lifestyle and more...
2144
post-template-default,single,single-post,postid-2144,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.2.1,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

The Work Jacket

L’abbigliamento da lavoro è indiscutibilmente un settore che trova massimo sviluppo e larghissima diffusione nel mercato americano. Non solo è radicata nella cultura americana la necessità di indossare un capo specifico per ciascuna attività lavorativa ma anche l’esigenza di produrre dei modelli che garantiscano comfort, funzionalità e protezione. Già dagli inizi del secolo scorso alcune aziende, inizialmente a conduzione familiare, si sono specializzate nella produzione di capi di abbigliamento destinati ad ambiti lavorativi specifici ma anche nella fornitura di corpi militari e nelle diverse discipline sportive. Quando si parla di “giacca da lavoro” si fa genericamente riferimento ai modelli impiegati dai lavoratori delle diverse professionalità, capi che sempre più di frequente finiscono per essere impiegate anche nel tempo libero. Alcune di queste giacche, di utilizzo prettamente “tecnico”, sono divenute sinonimo di uno stile di vita all’aria aperta, all’insegna della praticità. Modelli senza tempo, per definizione “distanti” dalle mode che di fatto hanno finito, negli ultimi anni, per influenzarle direttamente. Dall’abbigliamento “hunting & fishing” al workwear puro, Made in Usa, per giungere fino ai ferrovieri americani dei primi del Novecento, ripercorreremo insieme la storia e le evoluzioni dei protagonisti di questo fantastico mondo, talvolta ruvido ma sempre autentico e genuino.

Workwear is unquestionably widely developed and widespread on the American market. The need to wear a specific item of clothing while performing a given activity is deeply rooted in American culture, and so is the need to manufacture models that can guarantee comfort, functionality and protection. Since the early 20th century some firms, family owned ones at the very start, have specialised in the production of clothing for specific activities, but also in the supply of sections of the army and different sports activities. When we speak of “work jacket” we generally refer to the models used by workers in different professional fields, items that frequently end up by being used in their leisure time. Some of these jackets used for technical reasons have become synonymous with a practical, open air lifestyle. Timeless models, by definition ‘detached’ from the trends that have eventually influenced them in recent years. From “hunting & fishing” clothing, to pure workwear made in the USA, to early 20th century American railroaders, we will revisit together the history and the evolution of the protagonists of this fantastic world, which may be rough at times, but is always authentic and genuine.

Carhartt

Fondata a Detroit nel CARHARTT 1889 da Hamilton Carhartt, da oltre 120 anni Carhartt dedica la sua mission al “Best in Class apparel for active workers”. Nel 1994 tramite Work in Progress inizia la distribuzione in Europa delle collezioni Carhartt Inc. Attraverso un processo graduale e spontaneo nasce una produzione volta ad adattare il brand Carhartt al mercato Europeo. Con gli anni Carhartt Europe è riuscita a trasmettere all’universo metropolitano i principi essenziali che hanno reso celebre il marchio americano (comfort, qualità, resistenza e versatilità). L’universo Carhartt accoglie da sempre i pionieri della street culture in tutti i suoi aspetti, dall’action sport (skateboarding, bmx, surf e snowboard), alla musica, all’arte (writing, design); l’unione di questi elementi fa sì che la filosofia di un marchio di abbigliamento si trasformi in una cultura, una visione del mondo largamente condivisa. Direttamente dall’archivio storico presentiamo la “Detroit Jacket”, testimonianza dell’evoluzione stilistica del brand. Maturazione oggi riconosciuta a livello internazionale, come dimostrano le diverse collaborazioni fatte negli anni. Tra le più recenti : la “Chore Jacket”, modello vintage rivisitato da Junya Watanabe, storico collaboratore della casa di moda giapponese di Comme des Garçons. Carhartt è distribuita in Italia da Slam Jam.

CARHARTT was established in Detroit in 1889 by Hamilton Carhartt, and has for over 120 years devoted its activity to the “Best in Class apparel for active workers”. In 1994 Carhartt Inc. started the distribution of their collections in Europe through Work in Progress. It was the start of a spontaneous, gradual process that led to products that suited the brand Carhartt to the European market. Over the years Carhartt Europe has been able to involve the metropolitan universe by conveying the basic principles that have made the brand renowned: comfort, quality, resistance and versatility. The Carhartt universe has always welcomed the pioneers of street culture in all its aspects, from action sport (skateboarding, bmx, surf and snowboard) to music, and art (writing, design); the combination of these elements turns the philosophy of a clothing brand into a culture, a largely shared world view. Straight from the historic archive we are pleased to present the “Detroit Jacket”, that bears witness to the brand’s evolution in style. Such evolution is today acknowledged at the international level, as has been proved by their countless collaborations over the years; among the latest ones the “Chore Jacket”, a vintage model revisited by Junya Watanabe, a historic collaborator of the Japanese maison Comme des Garçons. Carhartt is distributed in Italy by Slam Jam.

slamjam.com

Lee

Siamo nel 1889. L’industriale H.D. Lee, scontento della scarsa qualità dell’abbigliamento da lavoro, inizia a sperimentare soluzioni nuove, fino a creare nel 1911 la prima salopette overall in denim che diventerà un must per operai e contadini. Nel 1917 Lee è la più grande azienda produttrice di workwear, apprezzata per la qualità e resistenza dei tessuti, come il Chetopa Twill, e per la ricerca di dettagli funzionali. Proprio la ricerca è la chiave per dare vita a dei capi iconici, come la Loco jacket, il primo jeans con la zip, o la Rider jacket, asciutta e in figura, per i cowboys. La svolta epocale avviene nel 1955, quando James Dean indossa un paio di jeans Lee in “Gioventù Bruciata”: il denim, sdoganato, diventa icona della cultura pop. Oggi Lee celebra il suo heritage con la linea The Archives, in cui ciascun pezzo è ispirato ai modelli originali del secolo scorso, riproponendone lo spirito autentico, il comfort e la funzionalità. Lee. Comfort clothes for work and play. La 91-J Original Loco Jacket (nella versione DRY, in denim sanforizzato) è la prima giacca introdotta nella produzione di LEE nel 1921. Realizzata appositamente per i lavoratori delle ferrovie americane (da cui il nome), in denim 8oz, la “Loco” evidenzia lungo le maniche e i fianchi le triple cuciture in contrasto; le ampie tasche frontali sono foderate in lana e le maniche dotate di polsini destrutturati, a tre bottoni. Nella tasca pettorale sinistra, sotto l’etichetta originale “Lee Union Made”, trova spazio un piccolo taschino dove i ferrovieri potevano comodamente infilare l’orologio da tasca. I bottoni in ottone sono marchiati Antique Workwear “Long L”. L’etichetta Jelt denim della registrazione del marchio di fabbrica è addirittura replica di un pezzo anni ‘40. La Loco Jacket della Lee Workwear FW 2010-2011 rappresenta invece il corrispettivo moderno, in denim lavato 11oz, del modello degli anni ‘20 ridisegnato in chiave contemporanea. Le tasche pettorali vengono riprese e proposte senza bottoni mentre le frontali, ridotte e inclinate, per un più pratico inserimento delle mani. Il colletto è ammorbidito così come i polsini, direttamente ispirati a quelli della Original. Il “Durabilt” logo, i principi fondamentali del brand, quali resistenza, qualità e comfort.

Back in 1889 industrialist H. D. Lee, disappointed with the poor quality of work wear, started to experiment on new solutions and in 1911 created the first denim overalls which would become a must for workers and farmers. In 1917 Lee were the biggest work wear manufacturers, renowned for the quality and strength of their fabrics, like Chetopa Twill, and for the attention they devoted to functional details. Research led to iconic items, like the Loco jacket, the first jeans with a zipper, or the slim and closefitting Rider jacket for cowboys. But the real turning point was in 1955, when James Dean wore a pair of Lee jeans in “Rebel Without a Cause”, and denim, now made popular, became an icon of pop culture. Today Lee celebrate their heritage with the line The Archives, with items that draw inspiration from last century’s models and re-propose their authentic spirit, comfort and functionality. Lee. Comfort clothes for work and play. The 91-J Original Loco Jacket (in the sanforized denim DRY version) was the first jacket to be introduced in Lee’s production in 1921. Specially realised for American railways workers (as its name implies) in 8oz denim, the “Loco” displays along the sleeves and sides the typical triple contrasting stitching; the large front pockets have a wool lining, and the sleeves are provided with threebutton de-structured wristbands. Under the original label “Lee Union Made”, the left front pocket bears a small pocket into which railwaymen could slip their pocket watch. The brass buttons are branded Antique Wear “Long L”. The Jelt denim label of the trade mark registration is no less than a replica of a piece dating back to the 1940’s. The Loco Jacket of Lee Workwear FW 2010-2011, instead, represents the redesigned updated equivalent, in 11oz washed denim, of the model of the 1920’s. The chest pockets draw on the original model but come without buttons, whereas the front ones, are reduced in size and slanting to more easily introduce the hands. The collar and the wristbands are softened and also draw on the Original. The “Durabilt” logo stands for the basic principles of the brand: resistance, quality and comfort.

lee.com

Filson

Dal 1897 la storia di Filson è legata agli avventurieri che parteciparono alla Grande Corsa all’oro nel Klondike. Il fondatore del marchio, Clinton C. Filson, produceva in proprio e commercializzava da Seattle l’abbigliamento necessario a resistere alle temperature polari del Nord America. Sfumata la Grande Corsa, Filson ha costruito la propria reputazione servendo cacciatori, boscaioli, esploratori, ingegneri, minatori, pescatori e marinai. In particolare, è la Filson Cruiser ad aver scritto il nome del brand nella storia dell’outdoor: brevettata nel 1914 è tuttora il capo più venduto dell’azienda. In oltre 100 anni la filosofia del brand non è mai cambiata: “assicurarsi di offrire solo il meglio”, anche grazie al dialogo continuo con i clienti e alla raccolta dei loro suggerimenti, per continuare a garantire qualità totale su ogni prodotto, protezione e durata nel tempo, per capi che non passano mai di moda. Dalla giacca-camicia da lavoro brevettata e depositata con il nr. 1.088.891, nel Marzo del 1914, dal fondatore di Filson, deriva una delle novità della Spring-Summer 2011: una giacca in stile anorak, dotata di cappuccio, da infilare dalla testa. Realizzata nel nuovo e resistentissimo canvas di cotone e cordura, riprende tutti i dettagli funzionali del modello degli Anni ‘20: le 4 tasche frontali, disposte asimmetricamente, di dimensioni e destinazioni diverse e la caratteristica abbottonatura. La registrazione del modello 1.088.891 è rimasta valida fino al 1927, anno in cui sono decaduti i diritti di esclusiva ed è diventata una delle giacche più imitate dai produttori di abbigliamento tecnico da lavoro. Anche la Mackinaw Cruiser Style #110 rappresenta un’evoluzione di questo capo, dal quale riprende l’apertura frontale con bottoni, divenuta totale. La Cruiser, nel caratteristico disegno a quadri neri su fondo rosso, torna infatti rinnovata nella vestibilità, appositamente concepita per il mercato europeo, senza compromettere funzionalità, calore e resistenza che l’hanno resa famosa nel tempo. Realizzata in pura lana vergine Mackinaw, la Cruiser è un’autentica barriera contro il vento, il freddo e le intemperie. Compagna inseparabile, durante le lunghe giornate trascorse nel bosco, dai timber cruiser americani, questo modello è dotato di ben 4 tasche utility frontali e di pratiche scaldamani laterali. Ancora una volta allo scopo di offrire solo il meglio, in termini di durata, comfort e funzionalità.

Filson’s career has since 1897 been linked to the adventurers who took part in the great Gold Rush in Klondike. Clinton C. Filson, the founder of the brand, in his Seattle- based firm manufactured and sold the clothing needed to resist the polar temperatures of North America. When the Gold Rush came to an end, Filson made a reputation by supplying hunters, loggers, explorers, engineers, miners, fishermen and sailors. In particular, it was the Filson Cruiser, patented in 1914, that earned the brand a place in the history of outdoor clothing, to this day the firm’s item that sells best. In the last hundred years the brand’s philosophy has never changed: “we must make sure that we always offer only the best”; they have been able to do so even thanks to their endless dialogue with customers whose suggestions they have always considered, to the protection, product quality and resistance they guarantee in items that will never be out of fashion. One of the novelties of the Spring-Summer season 2011 derives from the work jacket-shirt patented in March 1914 by Filson’s founder, registration number 1.088.891. It is an anorak-style jacket, provided with a hood for head protection. Realised in the new, very resistant cotton and cordura canvas, the jacket shares all the functional details with the model of the 1920’s: the four front pockets, arranged asymmetrically, of different size and use, and the typical fastening. The model’s registration number 1.088.891 was valid until 1927, the year when exclusive rights expired and it became one of the most imitated jackets by manufacturers of work wear. Also the Mackinaw Cruiser Style 110 represents an evolution of this garment, from which it borrows the front opening with a button fastening, here stretching from top to bottom. The Cruiser, with its typical black check on a red background, has a renewed fit specially created for the European market, that does not impair the functionality, warmth and resistance for which it has long been outstanding. Realised in pure Mackinaw virgin wool, the Cruiser is a real barrier against the wind, cold and snow. An inseparable companion of American timber cruisers during their long days in the woods, this model is provided with something like four front utility pockets and practical side hand-warmers. With a view to offering only the best, in terms of durability, comfort and functionality.

filson.com

Woolrich Woolen Mills

Woolrich Woolen Mills nasce nel 2006, dalla lunga tradizione di Woolrich, marchio fondato nel 1830 in Pennsylvania, in grado dare vita alcuni tra i più importanti masterpieces dell’abbigliamento maschile americano. Sotto la guida di Daiki Suzuki, Woolen Mills riprende i modelli d’archivio di Woolrich per riproporre, in chiave contemporanea, il gusto inimitabile dell’epoca. Un progetto che muove dalla riscoperta della tradizione manifatturiera degli anni ‘50 americani, da metodologie produttive artigianali, riattualizzate per raggiungere lo spirito autentico dell’outdoor. Woolrich Woolen Mills è interprete del dialogo tra passato e futuro, della sinergia tra tradizione tessile e forme attuali, in cui ogni dettaglio strutturale ha un ruolo fondamentale in termini di funzionalità. Dalla prossima stagione il testimone passa a Mark McNairy, nuovo direttore creativo, designer 100% americano. Una scelta che rappresenta l’evoluzione naturale del marchio verso la tradizione Made In Usa. Un designer americano chiamato ad interpretare un prodotto profondamente legato alla storia del workwear made in USA. La Upland Jacket è uno dei modelli più rappresentativi della filosofia di Woolrich Woolen Mills; l’ispirazione di questo capo (qui ritratto nella versione estiva, in cotton tahoe) viene dal suo utilizzo originale, come giacca da caccia, della quale conserva tutti i dettagli funzionali: dal pratico colletto, con tab rimovibile, che consente all’occasione di chiuderla orizzontalmente; le 3 tasche utility frontali; il comodo taschino sul pettorale sinistro; la caratteristica game-pocket verticale, ancora presente su entrambi i lati della giacca, permette facilmente di accedere all’interno; il rinforzo caratteristico delle giacche di ispirazione heritage è richiamato direttamente dall’impuntura a vista presente frontalmente sulla spalla destra. La Stream Jacket della FW 2010-2011, modello presente ormai da tre stagioni nella proposta di Woolen Mills, è presentata in lana nel caratteristico motivo “Hudson Bay” (a fasce orizzontali blu e nere) è un capo derivato dai modelli workwear che ben interpreta l’approccio sartoriale, contemporaneo e unwashed della collezione. Essa riprende in termini esclusivamente decorativi i dettagli funzionali della hunting jacket. Sulle maniche sono presenti due ampie toppe in pelle di colore nero. La tasca pettorale sinistra è dotata di un sottile passante in lana abbottonabile, presente anche sul retro del collo e a fondo giacca. Le due tasche frontali evidenziano forme e abbottonature diverse: alla tasca destra che si abbottona centralmente, è abbinata una corrispondente sul retro della giacca mentre la sinistra, chiusa alle due estremità, continua lungo tutto il fianco, per terminare con un taschino verticale. Woolrich Woolen Mills è distribuita da WP Lavori in Corso ed è presente nei migliori department stores del mondo.

Born in 2006 from the long standing tradition of Woolrich, a brand established in Pennsylviania in 1830, which created some of the most relevant masterpieces of American men’s wear. Under the guidance of Daiki Suzuki, Woolen Mills drew upon Woolrich’s archive models to re-propose the inimitable taste of the age in an updated version. The project starts from the rediscovery of the American manufacturing tradition of the 1950’s and its hand crafted methods, and brings them up-to-date so as to create the authentic spirit of outdoor clothing. Woolrich Woolen Mills interprets the relationship between past and future, the synergy between the textile tradition and present day forms, to create items in which every single structural detail has a significant impact on functionality. From the next season the brand’s new creative manager will be the 100% American designer Mark Mc- Nairy, a choice that represents the brand’s natural evolution towards the Made in USA tradition: an American designer whose task will be to interpret a product deeply linked to the history of made in USA work wear. The Upland Jacket is one of the models that best illustrate the philosophy of Woolrich Woolen Mills; the inspiration of this item (here portrayed in its summer version, in cotton tahoe) derives from its original use, as a hunting jacket, with which it shares every functional detail: from the practical collar, with a removable tab, that allows horizontal fastening if necessary; the three utility front pockets; the practical pocket on the left front; the typical vertical game pocket, still to be found on both sides of the jacket, allows to easily reach into the garment; the typical heritage- inspired reinforcement directly matched with the front stitching on the right shoulder. The Stream Jacket of the Fall- Winter season 2001-2011, a model that Woolen Mills have now proposed for three years, comes in wool with the typical “Hudson Bay” pattern ( black and dark blue horizontal stripes); derived from the work wear models, the item is a good interpretation of the updated, unwashed, sartorial approach of the whole collection, and shares, although in decorative terms only, the functional details of the hunting jacket. The sleeves bear two large, leather elbow patches in black. The front left pocket, the collar back and the jacket’s bottom end are provided with a thin wool loop that can be buttoned. The two front pockets have different forms and fastening methods: the right pocket has a central button and is matched to a corresponding pocket on the back, whereas the left pocket, closed at both its ends, opens all along the side and is completed by a small vertical pocket. Woolrich Woolen Mills is distributed by WP Lavori in Corso and is available at the best department stores all over the world.

woolrichwoolenmills.com