Vintage or Memory? | Mug Magazine | Fashion, Design, Lifestyle and more...
237
post-template-default,single,single-post,postid-237,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.2.1,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

Vintage or Memory?

Cosa vuol dire vintage quando hai 100 anni di storia tondi tondi?

Ha ancora senso usare il termine vintage, per quanto riguarda i jeans? Ci sono modelli, oggi, che hanno superato questo concetto, abbattendo barriere fino a poco tempo fa insormontabili nella concezione, nella ricerca del tessuto, nel design. Certi richiami, c’è da dire, sono ormai colti solo da intenditori e grandi appassionati, facendo entrare veramente il jeans nei meccanismi del fashion che in altri tempi ha combattuto. La memoria, però, è ancora alla base di tutto, anche in questa nicchia di mondo. Solo che non tutti possono vantarla, e allora un’operazione come quella di Wrangler per festeggiare i suoi 100 anni produce interesse reale, attuale, altro che. Quella che vedete è la linea Blue Bell del centenario, che ripropone tutto il sapore del denim anni ‘40 e ‘50. Jeans, giacche e T-shirt Blue Bell riaffermano il “look & feel” dei capi creati nel 1947 dal celeberrimo Rodeo Ben, lo stilista di star del rodeo e del cinema western quando i cowboy veri c’erano ancora, con pistole e tutto.Le linee vanno viste con occhi particolari, pensando che qui ci sono le vere origini del jeans, e non solo nel taglio e nei dettagli, ma anche nelle soluzioni tecniche: il denim sanforizzato (antirestringimento) utilizzato per questi capi e patrimonio del jeans mondiale è stato proposto da Wrangler (allora Blue Bell) nel 1931 – una tappa dei cento anni festeggiati con questa linea destinata a selezionatissimi negozi.

Tornando alla domanda iniziale, poca parte del mondo dell’abbigliamento può raccontare una storia come quella del jeans, recente ma profonda. Molti altri pezzi di stoffa che ci portiamo addosso rappresentano storie magari più lunghe, ma non così vicine, così dentro di noi.Per questo il termine vintage, se legato a brand come Wrangler e alla memoria di storie, vicende e persone di cui è viva la sensazione in molti, non è superato: ha semplicemente superato se stesso.

What does ‘vintage’ mean when you have a century-old background?
Does the term ‘vintage’ make any sense as far as jeans are concerned? There are models today that have surpassed this concept and demolished barriers in conception, fabric and design unsurmountable until quite recently. It must be said that by now only conoisseurs and fans grasp certain hints and consign jeans to the dynamics of fashion it previously opposed. Memory is something few people can boast of, an important gift especially in this fashion niche, that’s why Wrangler’s initiative to celebrate its centenary is really arousing great interest. The one you see is the centenary line ‘Blue Bell’ which revives the charm of denim in the ‘40s and ‘50s. Blue Bell jeans, jackets and T-shirts recapture the ‘look & feel’ of the items created in 1947 by world-famous Rodeo Ben, the stylist of rodeo and film stars, at a time when real cowboys were still on the scene, revolvers and all. The lines are to be admired bearing in mind that they go back to the origins of jeans both for their cut, details and technical features: sanforized denim to this date used for these items and the basic material for jeans all over the world, was proposed by Wrangler (Blue Bell in those days) in 1931, an important date in the centenary, celebrated by lines for sale in very select stores. The world of clothing can hardly pride itself on a history as recent and profound as that of jeans; other items we wear have maybe older traditions but are not so deeply heartfelt. That is why the term ‘vintage’, if applied to Wrangler and to stories, events and people many of us remember is not outdated: it has simply excelled itself.

wrangler.com